Automotive, Marco Gay (Confindustria Piemonte): «Il settore deve trasformarsi, si deve usare il Recovery Plan»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“Il mercato dell’automotive ha bisogno di trasformarsi e il Recovery Plan attualmente al vaglio del governo deve contenere una larga parte di intenzione verso questo mondo che è centrale per lo sviluppo economico perché parte dalla manifattura. Siamo pronti ad accogliere e vincere questa sfida perche’ ne abbiamo tutte le caratteristiche”.

Lo ha dichiarato Marco Gay, presidente di Confindustria Piemonte, in apertura della tavola rotonda ‘The future of the Automotive sector: opportunities and risks. Vehicle manufacturers view’ nell’ambito di Vtm – A New Scenario as a Driving Force, evento di avvicinamento all’edizione 2021 della business convention Vtm (Vehicle and Transportation Technology Innovation Meetings).

“Customer centricity, digitalizzazione dei processi produttivi, il passaggio da trasporto a mobilità, fino ad arrivare al modello MaaS (Mobility as a Service), la necessità di nuove strutture e infrastrutture: sono tutte opportunità che il mondo automotive oggi deve poter rendere concrete”, ha sottolineato Gay, indicando che “serve un approccio comune, un piano che unisca il mondo della produzione al sostegno alla visione strategica del pubblico, che deve saper indirizzare i prossimi investimenti su un settore così decisivo per il nostro Paese. Il Piemonte – che nel comparto esprime 19 miliardi di fatturato, con oltre 60.000 addetti – e l’Italia intera sono in grado di sostenere questo cambiamento”.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.