Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

La lettera di Andrea Orcel (AD UniCredit): «Siamo la banca per il futuro dell’Europa»

In occasione del piano strategico di Unicredit “ho illustrato la mia ferma convinzione che UniCredit abbia tutto ciò che serve per essere la banca per il futuro dell’Europa. Questo è vero per molte ragioni che hanno a che fare con la forza della nostra banca, ma è vero soprattutto grazie a voi: i nostri clienti, che sono la ragione stessa per cui noi esistiamo”.

Lo scrive il ceo di Unicredit, Andrea Orcel, in una lettera ai clienti della banca. “Giovedì 9 dicembre ho avuto il privilegio di annunciare “UniCredit Unlocked”, il nostro piano strategico per i prossimi tre anni e ho presentato i progetti per il futuro della nostra banca. Stiamo trasformando il significato stesso dell’essere parte di UniCredit e sono entusiasta del ritmo del cambiamento e dei risultati che abbiamo raggiunto finora lungo questo percorso”, ha proseguito il top manager.

“Mi sono concentrato sull’assicurarvi la migliore esperienza possibile, i prodotti più innovativi, il miglior servizio e la migliore consulenza quando vi rivolgete a noi. Stiamo investendo sulle nostre persone in prima linea affinché’ i vostri referenti locali, le persone che vi conoscono meglio, possano dedicarvi più tempo per capire a fondo le vostre esigenze e prendere decisioni che li aiuteranno a supportarvi e servirvi nel migliore dei modi”. “Stiamo anche continuando a portare avanti il nostro impegno nel rimuovere la burocrazia non necessaria che sono ben consapevole essere un ostacolo nella vostra interazione quotidiana con la banca”.

Secondo Orcel “le nostre persone saranno responsabilizzate, in un ambito di regole definite, nel prendere decisioni rapide ed efficaci per voi. Faremo rinascere in loro la passione e il desiderio di andare oltre ciò che ci si aspetta, per supportare voi e le vostre ambizioni e forniremo gli strumenti per realizzare queste ambizioni. Il nostro nuovo scopo, “Forniamo alle comunità le leve per il progresso”, è fondamentale in questo percorso. E comincia con voi. E con noi, che vi aiutiamo a raggiungere i vostri obiettivi, a realizzare il vostro potenziale e ad essere tutto ciò che volete essere”. “Centrale per noi sarà la trasformazione delle nostre competenze digitali. Il potenziamento della nostra tecnologia migliorerà ogni vostra interazione con la nostra banca, rendendola più semplice, più sicura e più efficiente.

Stiamo anche ripensando nel dettaglio il modo in cui lavoriamo e riflettendo su quanto vi aspettate dalla vostra banca. Ho sempre creduto che la sostenibilità non sia una componente aggiuntiva ma sia piuttosto intrinseca al nostro modo di operare. Ecco perché rimaniamo concentrati sull’intraprendere azioni misurabili e tangibili in quest’ambito. Cito solo due esempi: abbiamo ridotto le emissioni di gas serra dei nostri edifici del 60% dal 2008 e mi sono impegnato a mettere a disposizione 100 milioni di euro al fine di colmare nei prossimi tre anni il divario retributivo di genere garantendo, a parità di lavoro, parità di retribuzione”.

“Spero che questo, insieme al miglior servizio possibile per i clienti, corrisponda a quello che vi aspettate dalla vostra banca. certamente ciò che io mi aspetto accadere in Europa. Noi esistiamo grazie a voi. Voi siete al centro delle decisioni e degli impegni che prendiamo. Vi chiedo di ricordarlo e di darci riscontri e suggerimenti che possano aiutarci ad essere migliori. Siate certi che stiamo facendo tutto ciò che è in nostro potere per essere la banca del vostro futuro. Vi ringrazio per la pazienza e la fiducia che avete riposto in UniCredit negli ultimi anni. Sono impaziente di vedere ciò che ci aspetta, per la nostra banca e per tutti voi”, ha concluso.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.