Il Think Tank Quotidiano della Classe Dirigente

Pietro Garibaldi (La Stampa): «Ripresa economica: continua la risalita nonostante l’aumento dei contagi»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La ripresa economica continua la sua risalita «nonostante l’aumento dei contagi e il rischio di una quarta ondata». Lo afferma Pietro Garibaldi, che sottolinea che «la crescita economica dell’anno in corso sarà superiore al 6%, un livello mai visto in Italia negli ultimi 40 anni».

«È giusto che il Governo rivendichi con orgoglio la crescita» sostiene su La Stampa «ma è doveroso cercare di capire se i lavoratori italiani stanno davvero beneficiando di questa nuova espansione economica». E sottolineando come, «tecnicamente la crescita del 2021 sia in realtà un “rimbalzo”, poiché avviene dopo il crollo del 2020, quando il prodotto interno lordo (Pil) è diminuito addirittura del 10 percento, la peggior performance dal dopo guerra».

«Nel corso del 2021, sono stati creati circa 600 mila nuovi posti di lavoro, un numero a prima vista impressionante. Rispetto alla situazione prima della pandemia mancano però ancora circa 200 mila posizioni. Dietro i numeri aggregati» spiega l’editorialista «vi sono come sempre luci ed ombre. Innanzitutto, si può osservare come la maggior parte della crescita sia concentrata nel lavoro a tempo determinato, lo stesso tipo di lavoro rovinosamente crollato durante la pandemia. Quasi sempre, questi posti di lavoro sono coperti da giovani e donne, che rimangono ancora le parti più deboli del mondo del lavoro. Stiamo poi osservando un’imponente riduzione del lavoro autonomo».

«Questo fenomeno non deve essere sottovalutato e non è più esclusivamente dovuto a un cambiamento statistico. La fuga dalle partite Iva e dal lavoro autonomo dovrebbe ricevere maggior attenzione da parte del Governo, anche perché riguarda la parte dei lavoratori meno protetti in caso di disoccupazione. Infine, per capire come i lavoratori vivono la congiuntura economica, dobbiamo ricordare la presenza di un fantasma all’orizzonte. Quel fantasma – che sembrava sparito – si chiama inflazione. Riassumendo, bene che il mercato del lavoro partecipi al rimbalzo del Pil e alla ripresa economica, ma le debolezze strutturali del nostro sistema del lavoro e il rischio di inflazione rimandano non tanto a un miracolo economico, quanto piuttosto a uno scenario debole dal punto di vista dei lavoratori».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.