Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Mario Deaglio (La Stampa): «Inflazione: ostacolo per la ripresa economica»

L’inflazione rimane uno dei maggiori ostacoli della ripresa economica post-pandemica. Lo ricorda Mario Deaglio, che spiega «il problema, però, non dipende dalle cifre bensì dalla natura del fenomeno: l’inflazione attuale» scrive l’economista «sfugge alle classificazioni tradizionali e si sta rivelando un nemico difficile da combattere quasi quanto il Covid. Come il Covid si tratta di una nuova variante, con la differenza che contro l’inflazione non disponiamo di alcun vaccino».

«La sua caratteristica è di presentarsi “a grumi”, legati a fenomeni specifici, in grado non solo di determinare prezzi più alti ma anche di rallentare la produzione di settori ben determinati, e di non rispondere alle medicine tradizionali ossia soprattutto a politiche monetarie restrittive. Uno di questi “grumi” è rappresentato dai porti californiani, la porta americana per le importazioni dall’Asia, nei quali si concentra il 40 per cento delle merci straniere in arrivo negli Stati Uniti. Il primo sussulto di ripresa ha causato una moltiplicazione di questi arrivi e i porti sono andati in ‘tilt’ con code record di navi in attesa di poter scaricare», scrive su La Stampa.

«Insomma, ci si accorge che le “catene del valore” sulle quali si è costruita l’economia globale degli ultimi 20-25 anni, sono largamente arrugginite per mancanza di investimenti in strutture fisiche e in capitale umano. E mentre, come abbiamo appreso in questi giorni, un vaccino anti-Covid si può realizzare in pochi mesi, gli investimenti mancati in competenza dei lavoratori, oltre che in banchine, magazzini e sistemi stradali, possono richiedere diversi anni».

«Un secondo “grumo” riguarda il sistema mondiale dell’auto, messo in crisi dalla carenza di specifici microprocessori, indispensabili ai nostri veicoli moderni. Gran parte di questi piccolissimi ma essenziali oggetti viene prodotta in una grande fabbrica a Taiwan che qualche mese fa è stata da fortemente danneggiata da un incendio. Quando poi si passa al petrolio e al gas naturale, l’economia si intreccia con la politica internazionale».

«I paesi produttori hanno spesso una notevole possibilità, almeno nel breve periodo, di incidere sui prezzi usando quest’arma con buoni risultati. È il momento, insomma, di guardare ai grandi sviluppi e non alle piccole cose, come senatori e deputati sono tentati di fare in Parlamento con migliaia di emendamenti alla legge di bilancio, pressoché tutti orientati all’aumento della spesa pubblica».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.