Boris Johnson: «Covid-19, in Uk al via lockdown a tre livelli»

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha annunciato un nuovo sistema di restrizioni a livello locale in Inghilterra a seguito di un picco di casi di Covid-19 nel nord del Paese, nel tentativo di arginare la diffusione del coronavirus ed evitare un lockdown nazionale.   

Parlando in Parlamento, Johnson ha delineato un sistema a tre livelli  per aumentare o diminuire le restrizioni nelle regioni dell’Inghilterra, a  seconda della gravità dell’epidemia del virus. I livelli di allerta a  livello locale devono essere designati in tutta l’Inghilterra e vanno da “medio” a “alto” fino a “molto alto”.   

“Il numero di casi è quadruplicato nelle ultime tre settimane”, ha detto il premier, spiegando che ora ci sono più persone ricoverate in ospedale con il Covid-19 rispetto a quando è stato annunciato l’ultimo lockdown. Johnson ha però aggiunto che un blocco totale “non sarebbe la strada giusta”.   

La città settentrionale di Liverpool è stata collocata nella categoria  “molto alta” a seguito di un aumento dei casi. Ciò comporterà la chiusura di bar, palestre, bar e casino’. I legislatori voteranno domani  sulle proposte prima che entrino in vigore. Tre ospedali di emergenza sono stati messi in stand-by nel nord del Paese e verranno attivati se i casi  dovessero continuare ad aumentare.   

L’ultimo inasprimento fa parte del tentativo del Governo del Regno Unito  di semplificare le regole ed evitare di attuare un secondo lockdown a livello nazionale che sarebbe molto duro per l’economia britannica. Per rallentare la diffusione del virus, l’Esecutivo ha già ordinato la  chiusura alle 22h00 dei luoghi di ospitalità e il divieto di incontrare  più di sei persone in tutto il Paese. Tuttavia, circa un terzo dell’Uk ha già in vigore un mosaico di restrizioni più rigorose volte a rallentare ulteriormente la diffusione del virus. Johnson ha detto che vuole rendere tali regole più uniformi.   

In caso di restrizioni “elevate”, a famiglie diverse sarà vietato mescolarsi tra loro. In uno scenario “molto alto”, l’inasprimento include sconsigliare i viaggi nella zona, nessuna mescolanza sociale all’interno dell’area e consentire solo a pub e bar di servire i clienti che ordinano i pasti. Queste restrizioni locali verranno riviste ogni quattro  settimane. In tutti i casi, negozi e scuole rimarranno aperti.   

Le nuove regole stanno mettendo a dura prova l’Unione britannica. Il  primo ministro gallese, Mark Drakeford, ha detto che le restrizioni ai viaggi non sono abbastanza rigide per tenere le persone infette fuori dal Galles. La Scozia, nel frattempo, sta operando secondo le proprie regole. Johnson sta affrontando un contraccolpo politico all’interno del suo partito, sia da parte dei legislatori libertari che credono che le regole vadano troppo oltre, sia da parte di una schiera di legislatori del nord che credono che le loro aree siano inutilmente prese di mira. Il sindaco  di Liverpool, Steve Rotherham, ha detto di aver cercato di evitare che alla sua città venisse applicato il livello di rischio più alto ma i funzionari del Governo hanno affermato che i livelli di ospedalizzazione sono troppo alti.   

Un gruppo di massimi esperti medici britannici oggi si è rivolto alla  Nazione con una serie di grafici che mostrano che il virus si sta  diffondendo nel nord dell’Inghilterra e sta infettando sempre più persone  anziane e vulnerabili. Anche se il virus non si sta diffondendo così  velocemente come in primavera “la chiave è tenere sotto controllo la  trasmissione all’interno della comunità”, ha detto Simon Stevens, direttore generale del Servizio Sanitario Nazionale inglese.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.