Gino Sciotto (Fapi): «Ritardi non tollerabili, la decontribuzione per le imprese al Sud deve essere attuata al più presto»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«La decontribuzione per le imprese del Sud prevista dall’ultima legge di Bilancio deve essere attuata al più presto». A parlare, tramite una nota, è il presidente nazionale della Federazione autonoma piccole imprese, Gino Sciotto.

«I ritardi registrati non sono tollerabili per le piccole e medie imprese che credono in una fase di rilancio produttivo ed occupazionale. Il mezzogiorno – afferma il presidente della Fapi – non può attendere le lungaggini burocratiche della commissione europea, proprio in questa fase di grande difficoltà che vivono le attività produttive. Auspichiamo che il prossimo Governo si faccia carico di semplificare le procedure e attuare le norme che incoraggiano il lavoro».       

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.