La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Franco Frattini (ex ministro Esteri): «Così dopo l’11 settembre evitammo attacchi fatali per l’Italia»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Nel ventesimo anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle, Franco Frattini, per 5 anni a capo del Comitato parlamentare di controllo sui servizi, poi ministro delegato all’Intelligence, dal 2002 titolare degli Esteri con le guerre in Iraq e Afghanistan e la crisi degli ostaggi, ha ripercorso gli attacchi sventati in questi due decenni.

«Da Commissario Ue alla Sicurezza con gli attentati a Madrid e Londra, ci concentrammo sul traffico aereo, evitando attacchi fatali» spiega Frattini , in un’intervista a Il Messaggero. «Tracciammo i telefonini dei terroristi, uno fu pizzicato nel call center della Stazione Termini. Un altro attraversò Olanda, Belgio e Francia prima d’essere intercettato a Milano da una pattuglia della Questura. Altro che privacy dei cellulari».

Sulla rimozione del segreto sui documenti dell’11 settembre, Frattini non si aspetta sorprese: «Sappiamo sostanzialmente tutto, compreso il segreto di pulcinella che i talebani erano stati armati dalla Cia per cacciare i sovietici. Non credo però che sarà mai tolto il segreto sulle famose 25 pagine coi nomi di quanti nel Golfo diedero protezione al pool di attentatori».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.