Enzo Amendola (Ministro Affari Europei): «Sul Recovery non c’è nessun ritardo italiano, basta allarmismi»

Non c’è alcun ritardo nella presentazione del piano italiano per il Recovery Fund, quindi “smettiamola di dare inutili allarmi in modo un po’ isterico”. E’ netta la replica di Enzo Amendola, ministro degli Affari europei a chi “da giorni usa il Recovery come il cavallo di Troia per colpire il governo”.

“Legittimo” dice il ministro in una intervista al Corriere della Sera, “ma per noi conta solo seguire il cronoprogramma deciso a Bruxelles e lavorare sodo con il Parlamento e con gli attori rappresentativi della società italiana”. Il Governo presenterà il suo piano “a inizio 2021, come già indicato. Dunque appena dopo la pubblicazione del regolamento europeo, sempre che non ci siano slittamenti di calendario dovuti al veto di Polonia e Ungheria sul bilancio. In ogni caso un aggiornamento sul piano sarà presentato a fine mese: nasce dal voto di ottobre del Parlamento e si fonda su un dialogo continuo con la task force della Commissione”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO
image_pdf

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.