Agostino Miozzo (responsabile Comitato tecnico scientifico): «Riaprire le scuole, sono luogo sicuro. Correre rischio oppure sarà massacro per i maturandi»

«Torniamo in classe come in Francia e Inghilterra. I ragazzi hanno patito troppo». Così il responsabile del Comitato tecnico scientifico, Agostino Miozzo, parla delle scuole in un’intervista a Repubblica. Per Miozzo, il rischio si deve correre subito ai ripari sul danno incommensurabile che la prossima generazione di liceali avrà all’esame di Stato di giugno, «avendo perso il contatto fisico con l’universo scolastico per quasi un anno».

«Con il direttore regionale dell’Oms di Copenaghen, Unesco e Who Ginevra, abbiamo condiviso l’esigenza di far tornare i ragazzi a scuola in presenza il prima possibile. I dati ci dicono che i contagi in età scolastica non sono significativamente diversi da quelli di altre classi di età e non abbiamo evidenze per capire se siano avvenuti a scuola o fuori».

Miozzo insiste anche a ricordare il parere del Cts, che il 4 marzo 2020 chiese al governo di chiudere le scuole, seguendo le indicazioni della comunità scientifica internazionale, ma in un momento in cui non c’erano le regole di adesso. Nelle scorse settimane una proposta c’era: riorganizzare il trasporto pubblico locale, scaglionare gli orari di ingresso, monitoraggio sanitario. Una richiesta inascoltata per cui «i ragazzi pagheranno gravi conseguenze».

Miozzo, intervenuto in una seconda intervista a la Repubblica, si dice sicuro di poter garantire che «con tutte le indicazioni date dal Comitato tecnico scientifico per tempo le scuole sono un luogo sotto controllo».

«Distanziamento, uso delle mascherine, igiene. Tutti elementi che riducono i rischi. Con le dovute precauzioni e il monitoraggio costante la scuola non è un luogo di rischio, fermo restando che il rischio zero non esiste in nessun luogo e in nessun contesto» e che «tutti gli esperti che compongono questo comitato sono concordi: ci sono le condizioni per riaprire. È così in Francia, in Inghilterra, in Germania»

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.