La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Iunio Valerio Romano (senatore M5S): «Le condizioni di lavoro in Italia destano preoccupazioni»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le condizioni del lavoro in Italia e la sicurezza dei lavoratori destano una forte preoccupazione. Secondo l’Inail si parla di «538 morti sul lavoro dall’inizio dell’anno. Un dato che non può lasciare indifferenti». Così, il senatore M5S, Iunio Valerio Romano, vicepresidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, ha parlato nel giorno dell’insediamento ufficiale del nuovo direttore dell’Ispettorato nazionale del lavoro, il magistrato Bruno Giordano.

«È necessario intensificare i controlli, potenziando gli organi competenti, fare in modo che l’informazione e la formazione e la prevenzione in genere non siano adempimenti meramente formali, ma tali da garantire tutele sostanziali», continua.

«In questo senso la patente a punti è una buona iniziativa, anche perché può consentire di abbattere i costi della sicurezza per le aziende più virtuose, così come è importante l’istituzione di una Procura nazionale del lavoro, in grado di gestire e coordinare le numerose autorità competenti in materia, anche con linee guida univoche tali da garantire omogeneità di condotte su tutto il territorio nazionale».

«Serve, infine, un approccio culturale da coltivare sin dagli ambienti scolastici, perché la legalità e il rispetto dell’altrui persona devono essere sentiti come un atto scontato e non come un’imposizione».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.