Pascal Soriot (AD AstraZeneca): «Alcuni Paesi hanno avuto atteggiamenti sbagliati per accaparrarsi i vaccini»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’arrivo dei vaccini contro il coronavirus avrebbe potuto essere un traguardo da festeggiare “ma purtroppo così non è stato perché c’è stato un approccio un po’ da ‘prima io'” da parte di alcuni Paesi nella richiesta delle dosi. Lo ha dichiarato, durante i lavori del World Economic Forum, Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca, l’azienda anglo-svedese che ha sviluppato un siero contro il Covid-19 insieme all’università di Oxford.

“Da un punto di vista globale, si può dire che avremmo potuto e avremmo dovuto essere preparati meglio a questa pandemia”, ha aggiunto il manager, il quale ha però sottolineato che “le cose stanno cambiando e sta emergendo una collaborazione internazionale”.

“Ci sono molti buoni esempi di eccellente collaborazione tra pubblico e privato in molti Paesi”, ha aggiunto Soriot, secondo il quale “la prima cosa da fare è investire in prevenzione, diagnosi precoce e trattamento  precoce”. L’ad di AstraZeneca ha sottolineato che i Paesi più industrializzati investono in prevenzione solo il 3% della spesa sanitaria. “Il 20% di questo 3% è speso in immunizzazione e diagnosi precoce della malattia”, ha concluso Soriot, “in sostanza, tendiamo ad aspettare che la gente si ammali per poi provare ad affrontare il problema, invece di provare a identificare in anticipo la malattia e prevenirla”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.