Paolo Gentiloni (commissario Ue agli Affari economici): «Possibile prefinanziamento del Recovery Fund prima dell’estate. Per l’Italia vorrebbe dire oltre 20 miliardi subito»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Paolo Gentiloni, commissario Ue agli Affari economici, è intervenuto a Milano Capitali, l’evento organizzato da Class Editori, a proposito delle riaperture italiane, dei vaccini e del Recovery Fund.

«Oggi in Italia è la giornata delle riaperture che devono essere gestite con responsabilità e prudenza. Sono però il sintomo di un andamento positivo dopo i ritardi sui vaccini. Credo che dopo le difficoltà di avvio avremo dosi sufficienti di vaccini e penso che sia stato molto importante avere un procurement comune europeo sui vaccini. Se non ci fosse stato questo, ci sarebbe stata una guerra tra i Paesi. Ora che il ritmo sta prendendo la velocità giusta è un riconoscimento importante».

A proposito del Recovery Fund, il commissario ha annunciato il più che probabile prefinanziamento, in estate. «In questa settimana riceveremo diversi progetti tra cui anche quello dell’Italia. Poi la Commissione avrà a disposizione un paio di mesi per esaminare questi piani e al termine verrà fatta una proposta al Consiglio europeo per approvare, salvo problemi insormontabili, i piani nazionali. A quel punto scatterà il prefinanziamento del 13%. Per l’Italia parliamo di cifre superiori a 20 mld, oltre un terzo dell’intero prefinanziamento europeo»

«Sono sempre stato convinto della possibilità di avere questo prefinanziamento prima dell’estate. Stiamo lavorando su questo. Dipende dal processo di ratifica ma credo che sia possibile che il prefinanziamento arrivi prima dell’estate. A Bruxelles non c’è alcun pregiudizio sul piano italiano. Noi ci siamo trovati davanti alla decisione del governo italiano – che io considero più che giustificata – di presentare il piano entro il 30/4 e di non chiedere più tempo. Questo ha comportato per il governo un impegno enorme di accelerazione», conclude Gentiloni. 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.