La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Andrea Orlando (ministro Lavoro): «Prevenzione, vigilanza, formazione per la sicurezza sul lavoro»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stiamo mettendo in modo tutte le iniziative necessarie a prevenire le morti bianche, che sono state circa oltre 700 dall’inizio dell’anno. Così il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, spiega quali passi sono stati mossi per implementare la sicurezza sul lavoro. «Prevenzione, vigilanza, formazione e un curriculum che attesti l’osservanza o meno delle leggi da parte delle aziende: essere virtuosi salva vite e giova all’economia».

«Stiamo coordinando in modo più stabile e funzionale i soggetti che sono preposti agli accertamenti, stiamo sollecitando le Regioni a coprire i vuoti che si sono determinati nelle Asl che, lo ricordiamo, hanno una percentuale molto alta di competenze nel controllo sulla prevenzione» dice in un’intervista a Famiglia Cristiana. «Poi abbiamo attivato un percorso di potenziamento dell’ispettorato nazionale del lavoro con la nomina di un nuovo direttore e l’avvio di concorsi che porteranno entro il prossimo anno all’assunzione di oltre 2mila persone». 

Orlando sottolinea che «c’è un secondo fronte che riguarda il tema della normativa. Abbiamo introdotto il principio della congruità come condizione al rilascio del Durc (documento unico di regolarità contributive) nell’ambito dell’edilizia. Ci sono delle tabelle sulla base delle quali si sa quanti dipendenti servono per realizzare una certa opera. Interventi per garantire il rispetto delle regole nei cantieri e per contrastare il lavoro nero, una delle principali cause di incidenti. Questi criteri entreranno in vigore a ottobre, ma fanno parte di un decreto già emanato.

Non escludiamo che possa essere esteso anche in altri settori, come per esempio i servizi, dove c’è un rapporto molto stretto tra congruità dell’organico e sicurezza. Inoltre, abbiamo ripreso la questione delle malattie professionali riattivando un tavolo sulla questione della normativa sull’amianto. Si tratta di un mostro silenzioso che continua a uccidere, anche se non se ne parla.

Ancora, c’è stato un potenziamento del numero dei controlli che sono andati avanti anche nel periodo estivo con un focus particolare sulla logistica. Settore questo sottoposto a forme di dumping, con la presenza di false cooperative e Srls (società a responsabilità limitata semplificata), con fenomeni di lavoro nero e sfruttamento. Sono tutti filoni che stiamo consolidando con fattori repressivi, ma anche con meccanismi incentivanti per chi fa di più di ciò che è strettamente previsto dalla legge e si dota di strumentazioni avanzate per garantire la sicurezza”.  

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.