Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Luca Barilla, vicepresidente gruppo Barilla: “Siamo dei giganti per i nostri valori, meritiamo più attenzione”

Ci sono “altre aziende concorrenti che fanno le stesse cose ma non con il nostro livello di competenza”.

Però sono più conosciute perché “ne parlano e la gente giustamente ci crede”.

Adesso “dobbiamo migliorare molto l’interazione con il grande pubblico per far conoscere i veri valori di una grande azienda come la Barilla che è grande dal punto di vista dimensionale ma è anche un gigante dal punto di vista valoriale”.

Lo ha detto il vicepresidente del Gruppo, Luca Barilla, in occasione dei festeggiamenti due 30 anni di Pesto Barilla nello stabilimento di Rubbiano nel parmense.

“Barilla merita più attenzione e più considerazione di quanto il grande pubblico le riservi per la qualità dei prodotti che noi facciamo – ha spiegato Luca Barilla -.

Barilla è sempre molto considerata dal punto di vista delle pubbliche relazioni, è un’azienda molto presente sul mercato attraverso le sue comunicazioni.

Ma è meno considerata dal punto di vista professionale, di tutto il lavoro che fa per portare sulle tavole degli italiani dei prodotti di altissima qualità”.

Secondo il vicepresidente questo è dovuto, anche, a un pregiudizio nei confronti dell’azienda.

“Spesso noi soffriamo per certi aspetti delle nostre dimensioni: la gente, vedendo che siamo un’azienda importante, dà per scontato che non possiamo curare le produzioni, i prodotti, la selezione delle materie prime con la stessa attenzione che invece offrono i nostri competitor più piccoli.

C’è questo credo generale che tutto ciò che è piccolo, tutto ciò che è artigianale è certamente di qualità superiore a ciò che viene fatto dalle grandi aziende.

Non dico che è sempre il contrario, ma in qualche caso è il contrario”.

“Barilla per sua fortuna e per abilità – ha spiegato Luca Barilla – dispone di professionalità di altissimo livello, di mezzi tecnologici che i concorrenti non possono utilizzare, di conoscenze, di know-how e di esperienze globali che i concorrenti non possono raggiungere per evidenti mezzi pratici.

Questo ci dà dei forti vantaggi.

Noi abbiamo contatti con il mondo, con i migliori fornitori, con gli agricoltori: siamo partiti tantissimi anni fa a dialogare con i coltivatori quando il grano italiano non era una caratteristica fondamentale per acquistare i prodotti italiani.

Noi abbiamo avviato tantissimi anni fa dei rapporti con i migliori coltivatori del miglior grano americano dell’Arizona e abbiamo cominciato a selezionare assieme a loro delle sementi che ci consentissero di creare dei grani duri di altissima qualità”.

E di fatto “abbiamo insegnato ai nostri concorrenti questo tipo di rapporto diretto con l’agricoltore”.

Attività che “continuiamo a curare con grandissima attenzione”.

Oltre a questo, ha ricordato il vicepresidente “abbiamo inventato la tecnologia della decortificazione del grano che è una fase della macinazione del chicco di grano nel mulino che ci ha permesso di ottenere delle rese migliori e delle qualità migliori sul prodotto finale.

Questo grazie a investimenti importanti, a una dedizione e a una grande attenzione” da parte di tutti i lavoratori.

“Barilla ha al suo interno, all’interno dei suoi prodotti e delle lavorazioni, dei passaggi che nessun concorrente ha – ha proseguito -: controlli maniacali della qualità lungo tutta la filiera produttiva dal momento in cui si semina il grano o si allevano le galline che ci forniscono 500 mila uova fresche che arrivano ogni giorni in fabbrica”.

“Altri concorrenti fanno le stesse cose ma non con il nostro livello di competenza, ne parlano e la gente giustamente ci crede – ha concluso Luca Barilla -.

Adesso dobbiamo migliorare molto l’interazione tra noi, i media e attraverso i media il grande pubblico per far conoscere i veri valori di una grande azienda come la Barilla che è grande dal punto di vista dimensionale ma è anche un gigante dal punto di vista valoriale.

Ci sono poche aziende che hanno il valore della Barilla”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.