Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[L’analisi] Allarme Coldiretti: sale il conto dei danni per maltempo, abbiamo avuto 29 eventi estremi in un solo giorno

Il maltempo ha colpito a macchia di leopardo lungo la Penisola nei centri urbani, nelle campagne e sulle coste con pesanti danni all’agricoltura e alla pesca con ben 29 eventi estremi che si sono abbattuti in un solo giorno tra bufere di vento, trombe d’aria e violenti nubifragi.

È quanto emerge dal primo bilancio tracciato della Coldiretti l’analisi della Coldiretti sulla base dei dati dell’European Severe Weather Database (Eswd).

Nelle campagne il forte vento – sottolinea la Coldiretti – ha scoperchiato serre ma sono stati colpiti anche gli ortaggi all’aperto e si segnalano ulivi con rami spezzati e chiome danneggiate con la raccolta delle olive in diversi territori ancora in corso.

L’acqua tanto attesa nei campi dopo mesi di siccità ha provocato un brusco innalzamento del livello del mare con pescatori ed acquacoltori che – riferisce la Coldiretti – si sono trovati allagati i posti barca, i capanni di lavorazione, le attrezzature ma si attendono danni anche agli allevamenti di vongole e cozze, con le correnti marine che potrebbero aver causato spostamenti di sabbia nelle concessioni con perdite di produzione.

L’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai diventata la norma anche in Italia tanto che siamo di fronte ad una evidente tendenza alla tropicalizzazione che – evidenzia Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali e territoriali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi.

Una situazione che compromette le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne che secondo a Coldiretti superano già i 6 miliardi di euro dall’inizio dell’anno, pari al 10% della produzione nazionale.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.