Giulio Tremonti (ex ministro dell’Economia): «Democrazia non si può monetizzare»

L’ex ministro delle Finanze, Giulio Tremonti, fa il punto di vista sullo stato della democrazia nell’Unione europea in un’intervista a Libero.

«Le premetto che il collegamento che è stato stabilito a partire dal Parlamento Europeo tra i fondi del Recovery Plan e lo stato della ‘democrazia’ come dovrebbe essere in Polonia, Ungheria e Slovenia – nel cuore dei paesi dell’allargamento – ricorda, se pure in piccolo, lo spirito di Versailles con Bruxelles al posto di Versailles, coi 14 punti di Wilson, il capolavoro dello “zelo democratico” che ha portato alla seconda guerra mondiale. Naturalmente il tutto su scala minore. Io vedo quello che il Parlamento Ue definisce “mechanism of democracy”, poi ancora Rule of law, e fondamental rights: constato che la democrazia è fatta di diritti classici e di diritti che confinano con l’etica postmoderna. È un meccanismo che, dato il precedente degli ultimi dictum delle Corti di giustizia, dà corpo ai diritti sulla “orizzontal family”, sui generi transitori e così via. Un tipo di giurisprudenza che creerebbe imbarazzo al pur decadente imperatore Eliogabalo».

Una diatriba che crea un grosso paradosso: la monetizzazione della democrazia.

«Il metodo invece è lo scambio tra una politica giusta – quella fatta con gli eurobond da me da sempre proposti – che rischia di essere bloccata o ritardata dalla tecnica dello scambio-ricatto. Fino al paradosso evidente nello scritto di Soros secondo cui sarebbero Ungheria e Polonia a ricattare Bruxelles e non viceversa. Se entri nel circuito del ricatto chi ha cominciato per primo non ne esce. L’anomalia è il tentativo di monetizzare la democrazia: lo scambio tra soldi e diritti. E anche tra sentimenti e risentimenti. A Soros si deve opporre l’oggettivamente superiore Camus che nel ’55, in una lezione ad Atene sul Futuro della civiltà europea faceva appello agli individui superiori capaci di dominare i propri risentimenti. In tempo di peste Camus batte Soros, due a zero palla al centro».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.