#Vetrine d'Italia - Le storie delle attività commerciali che ripartono

Antonella Viola (immunologa): «Abbiamo ampia disponibilità di vaccini: scegliamo il più sicuro in rapporto all’età»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«Va scelto il farmaco più sicuro in rapporto con l’età. È sbagliatissimo» proporre i vaccini a vettore virale come si è fatto negli open day con Astrazeneca «ai giovani, specialmente alle donne. Sono sempre stata convinta che non bisognerebbe darli a persone di età inferiore a 55 anni». Lo ribadisce, in una intervista al Corriere della Sera, l’immunologa.

Viola cita uno studio di Science «dove si spiega come man mano che scende l’età i rischi di ricevere questi vaccini superano ampiamente i benefici. Nei più giovani il pericolo di avere conseguenze gravi a causa del Covid è invece molto basso. Ecco perché la Francia ha stabilito di limitare i due vaccini (Astrazeneca e Johnson & Johnson) a vettore virale agli over 65».

«Abbiamo dosi di vaccino a volontà» e quindi, conclude, «vale la pena di scegliere il vaccino più sicuro in rapporto all’età. In questi casi i preparati di Pfizer e Moderna basati sull’Rna messaggero. Anche così arriveremo a settembre con larga parte della popolazione immunizzata».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.