Stefano Varia (Confindustria Toscana Nord): «Autostrada e ferrovia, impensabile farne a meno»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Riportiamo di seguito l’intervento di Stefano Varia, Consigliere Incaricato alle Infrastrutture di Confindustria Toscana Nord, in merito alle nuove opere in lavorazione sul territorio.

“Non era in effetti pensabile che una delle due principali opere che innervano questo tratto di Toscana (autostrada A11 e raddoppio ferroviario nel secondo e terzo tratto),  potesse essere messa in discussione; la notizia di ieri relativamente al raddoppio autostradale, se confermata, avrebbe spazzato via anni  dopo anni e anni di riflessioni di natura urbanistica e pubblici dibattiti; oltre a opere complementari sul territorio, in molti casi in avanzato stato di progettazione.

Sapere oggi che tanto Autostrade quanto la Regione, quanto i Comuni interessati considerino l’A11 una priorità ci solleva: la nostra associazione già nell’assemblea del 2019 riconobbe a quest’opera il ruolo di motore dello sviluppo del territorio; su di essa, e sulla Ferrovia Firenze – Viareggio  per ragioni di lavoro, transito merci e turismo si muovono (in condizioni ovviamente normali, che si augura possano tornare) un milione di persone al giorno.

Speriamo quindi che il cammino dell’Autostrada riprenda rapidamente, con la celerità che il momento impone; e confidiamo che finalmente anche il secondo e terzo tratto della Ferrovia trovino una risposta al bisogno di mobilità su rotaia sempre più diffuso e sentito”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.