Stefano Patuanelli (Ministro dello Sviluppo economico): «Se sarà necessario prorogare il blocco ai licenziamenti ci occuperemo di garantire la cassa integrazione gratuita»

«È importante garantire alle imprese la prosecuzione della cassa integrazione gratuita, senza costi aggiuntivi. Se sarà necessario prorogare il blocco, ci occuperemo di garantirla». Così il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, intervistato sulla Stampa da Alessandro Barbera, parla della scadenza del divieto per le aziende di licenziare, fissato al 31 marzo.

Ministro, il governo è sull’orlo della crisi. Renzi dice che vuole più fatti. Lei è il ministro 5S più influente che c’è: nessuno allo Sviluppo economico ha avuto a disposizione così tante risorse nell’ultimo quarto di secolo. Cosa risponde all’ex premier? «Rispondo con i fatti. Abbiamo stanziato 120 miliardi in deficit, siamo il primo Paese dell’Ue per vaccini somministrati in percentuale agli abitanti, abbiamo evitato il disastro all’Ilva e all’Alitalia, risolto il 30% delle crisi aziendali, riattivato misure di rilancio per l’innovazione delle imprese».

Italia Viva aspetta il testo definitivo del Recovery Fund. A che punto siete? «Martedì dovrebbe esserci il Cdm che varerà il testo. Poi la discussione passerà in Parlamento, dove ci sarà spazio per eventuali e ulteriori modifiche». Sta dicendo che Renzi non ha alibi? «Lo sta dicendo lei. Riconosco a Renzi e al suo partito di aver contribuito al miglioramento del testo».

Su un punto Renzi ha ragione: non ha ancora visto il dettaglio delle opere che intendete finanziare. «Il testo che arriverà in Cdm sarà dettagliato, per quanto possibile a questo stadio. Non è un lavoro semplice, e non può essere risolto in poche ore». La prima versione del piano prevedeva 9 miliardi per il capitolo sanità, ora sono saliti a 20. L’avete fatto per spegnere la polemica sul prestito del fondo Salva-Stati? Renzi insiste nel chiedere di attivarlo. «Lo spread è vicino ai cento punti base. Il programma della Bce sarà attivo fino al 2022 e i tassi di interesse sono incredibilmente bassi: attivare quel meccanismo sarebbe singolare. A me pare un dibattito surreale».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO
image_pdf

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.