Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Isabel Schnabel (Bce): «L’Italia usi bene il Next Generation Eu in risposta all’alto debito pubblico»

«Il Next Generation Eu, introdotto durante la pandemia, gioca un ruolo di primo piano» ed «è molto importante che i progetti finanziati attraverso il programma di salvataggio europeo siano perseguiti con coerenza e implementati integralmente», afferma il membro del Comitato esecutivo della Bce, Isabel Schnabel, rispondendo a una domanda sull’ascesa politica dell’estrema destra in Italia con la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. «La sostenibilità del debito pubblico dipende in modo cruciale dalla crescita economica» dice durante un’intervista alla testata tedesca T-online.

La funzionaria, si legge su milanofinanza.it, non ha voluto commentare sul futuro politico del Bel Paese, sottolineando come la Bce sia indipendente dagli sviluppi dei singoli Stati membri occupandosi della politica monetaria dell’intera zona euro. Applicare correttamente il piano è «compito dei governi nazionali, ma siamo tutti sulla stessa barca», continua, e per questo motivo «dobbiamo produrre soluzioni a livello europeo per superare l’attuale situazione di crisi».

Interrogata poi sulle prossime mosse dell’istituto, Schnabel dichiara di aspettarsi nuovi rialzi dei tassi di interesse in occasione del prossimo Consiglio direttivo. Di quanto? «Non posso saperlo, così come non posso affermare a che livello smetteremo di alzarli. Queste sono decisioni prese volta per volta, sulla base della valutazione dell’economia e dei dati sull’inflazione».

In questa fase, le misure di sostegno a pioggia implementate dai governi «possono stimolare la domanda e spingere al rialzo l’inflazione», spiega la funzionaria, «ecco che potremmo dover stringere ulteriormente la politica monetaria». Infine, Schnabel riconosce come nel gioco politico ampie misure di sostegno possano favorire i partiti in vista delle elezioni. Tuttavia, «non dobbiamo dimenticare che, nel lungo periodo, dovremo sostenere collettivamente questi costi».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.