Roberto Gualtieri (ministro dell’Economia): «Piano per Recovery Fund arriverà nei tempi stabiliti, non siamo in ritardo»

Si lavora incessantemente al Recovery plan, anche con la Commissione Ue, per presentare il Piano italiano nei tempi previsti. Così il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, intervistato a Omnibus su La7, chiarisce sui presunti ritardi, diffusi negli ultimi giorni, dell’Italia nella definizione del piano nazionale per accedere al Next Generation Eu.

«Il Recovery plan lo vedrete entro i tempi stabiliti per elaborarlo. È un piano ambizioso e ampio e vogliamo farlo bene. Lavoriamo con intensità, siamo nella fase di interlocuzione con la Commissione e nessuno ha presentato il piano finale perché tutti i Paesi stanno lavorando con la commissione per affinare i progetti. Ci sarà una struttura di governance che serve dal punto di vista operativo perché l’Europa paga quando gli obiettivi vengono conseguiti. Quindi la capacità di realizzazione è importante quanto la progettazione».

Quanto ai veti di Polonia e Ungheria sul Recovery Fund, Gualtieri predica ottimismo. «Spero che al Consiglio europeo di dicembre questa irragionevole posizione di Orban e di altri Paesi venga superata perché non ha alcun senso. Penso che dal punto di vista giuridico formalmente il piano partirà a febbraio. Speriamo».

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.