Il Think Tank Quotidiano della Classe Dirigente

Rapporto Enea: il vecchio Ecobonus era più efficace del Superbonus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Un rapporto riservato dell’Enea di cui dà conto il Corriere della Sera rileva che l’efficacia ambientale del Superbonus è “di circa il 28% inferiore per ogni euro investito” rispetto a quella che si otteneva con il vecchio ecobonus del 65% e che il costo per ogni singolo intervento “è raddoppiato o addirittura triplicato”. Il Superbonus del 110% potrebbe quindi finire in futuro nei manuali di economia nel capitolo relativo a quello che gli economisti chiamano «moral hazard»: il «rischio morale», ossia la possibilità che gli operatori speculino con il denaro e lo sprechino quando sono loro a poterlo mobilitare ma non sono loro a risponderne per qualunque inefficienza e per i loro stessi eventuali errori.

A questo almeno fa pensare il rapporto riservato dell’Enea, l’agenzia per lo sviluppo sostenibile che vigila sugli incentivi per l’efficienza energetica degli edifici. Secondo tale rapporto da inizio anno al 23 settembre i progetti ammessi sono stati 38 mila, mentre per l’intero anno si stimano 51 mila progetti, per investimenti mobilitati da 7,9 miliardi e un costo per lo Stato di 8,7 miliardi di euro (quest’ultimo è superiore proprio perché il bonus è al 110%). Si tratta di una forte accelerazione rispetto allo scorso anno, quando ci furono meno di duemila interventi per una spesa pubblica di poco più di duecento milioni. 

Secondo l’Enea, il vecchio Ecobonus era più efficace nel ridurre le emissioni inquinanti, Il problema è che i prezzi si sono «gonfiati», il costo per gli infissi di nuova generazione oggi è raddoppiato o anche triplicato. 

Gli investimenti nell’edilizia sono stati riattivati, ma da un confronto con l’Ecobonus in vigore in Italia dal 2014 al 2020 emerge che il meccanismo è simile al Superbonus con una differenza: la detrazione era solo al 65%. In altri termini il proprietario di un immobile aveva qualcosa da perdere se l’opera fosse stata eseguita in modo inefficiente e a costi gonfiati, perché per un terzo doveva pagare di tasca propria senza indennizzo pubblico. Insomma il privato era corresponsabile della buona gestione del denaro. Non a caso l’investimento con l’Ecobonus è stato più contenuto, a 3,3 miliardi di euro all’anno in media. 

Quali sono dunque le differenze con il Superbonus? La prima è nell’impatto ambientale perché, secondo l’Enea, il vecchio Ecobonus sembra essere stato più efficiente nel ridurre le emissioni inquinanti. Con le misure attuali l’efficacia ambientale è di circa il 28% inferiore per ogni euro investito e infatti, pur spendendo più del doppio di prima, si arriva solo a modeste riduzioni supplementari delle emissioni.

Si notano poi i segni di una bolla speculativa: alcuni stanno approfittando del fatto che si fa meno attenzione ai costi, perché tanto pagherà il governo tramite il debito pubblico. Enea mostra che il costo per ogni singola parete isolante, per ogni singolo infisso, schermatura solare o impianto di riscaldamento di nuova generazione è raddoppiato o addirittura triplicato con il Superbonus attuale rispetto all’Ecobonus in vigore fino a metà del 2020. In parte ciò è senz’altro dovuto al forte aumento di domanda. Forse però alcuni forzano sui prezzi e trovano poca resistenza, perché il proprietario immobiliare sa che sarà del tutto indennizzato. 

Enea stima che l’aumento medio sulle caldaie a condensazione è del 286%, sulle schermature solari è del 225% e sugli infissi del 208%. Questi indizi rischiano di avere conseguenze, perché il Superbonus viene finanziato per 13,9 miliardi con i fondi europei del Recovery. La Commissione Ue dovrà esaminare il dossier e potrebbe esitare a concedere il via libera agli esborsi, se vedesse che i costi unitari degli interventi sono doppi o tripli rispetto al resto d’Europa e l’impatto ambientale è tutt’altro che efficiente.

Di certo il governo ha confermato che il Superbonus 110% verrà prorogato al 2023, perché i suoi obiettivi restano validi. Ora però lo studio elaborato dall’Enea potrebbe innescare una riflessione su come limitare i problemi emersi fin qui.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.