Paolo Capone (Segretario UGL): «Il Sud è in difficoltà, servono fondi per le imprese più colpite dal Coronavirus»

“L’ultimo Dpcm firmato ieri sera dal presidente Conte divide l’Italia in tre aree in base all’indice di contagio, ciò aggraverà ulteriormente il danno economico e il disagio sociale dei singoli territori colpiti dalle restrizioni totali o parziali. Ci domandiamo, in tal senso, se sono previsti maggiori  incentivi e indennità per quelle regioni dove le piccole e medie imprese saranno costrette a chiudere completamente i battenti”. 

Così Paolo Capone, segretario generale dell’Ugl. “Lo sconforto delle regioni meridionali è evidente, il rischio è che il divario fra Nord e Sud Italia si amplifichi ulteriormente. Per tale ragione – aggiunge – occorre dare subito delle risposte certe in particolare a quelle famiglie che da domani avranno serie difficoltà ad arrivare a fine mese”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO
image_pdf

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.