La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Paolo Capone (Leader UGL): «Investire in politiche industriali per rilanciare sviluppo e occupazione»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

In merito ai dati dell’Istat sulle diseguaglianze prodotte dalla pandemia, Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, ha dichiarato che serve investire sulle politiche industriali per rilanciare sviluppo e occupazione.

“I dati dell’Istat presentati alla Camera delineano un quadro preoccupante per l’occupazione nel nostro Paese. I 6,8 milioni di lavoratori coinvolti nella Cig nel 2020 e i 753 mila posti di lavoro persi da inizio pandemia sono la fotografia del drammatico impatto sociale della crisi sanitaria. Un calo che ha riguardato soprattutto i lavoratori dipendenti a termine e gli indipendenti, a cui si aggiunge anche il drastico rallentamento delle nuove assunzioni.

Il crollo dei consumi più alto dal dopoguerra ad oggi, pari al -10,9% a famiglia, ha inciso in maniera significativa sul tessuto economico fatto di piccole e medie imprese, in particolare quelle attive nel comparto dei servizi. Se non si interviene con uno ‘shock’ economico senza precedenti corriamo il rischio di perdere interi settori dell’economia nazionale.

In tal senso è cruciale che i fondi del Recovery Plan vengano sbloccati e impiegati quanto prima a sostegno di politiche industriali e occupazionali a medio e lungo termine. Urgono investimenti infrastrutturali che consentano di realizzare quelle opere necessarie a garantire lo sviluppo del Paese e a favorire la creazione di nuovi posti di lavoro, a cominciare dal Mezzogiorno”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.