Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Fabio Panetta (Bce): «Momento difficile. Nessuno speculi sulla politica monetaria»

Serve un approccio graduale e flessibile, senza speculazioni sulle prossime mosse dell’Istituto di Francoforte. A sostenerlo è Fabio Panetta, membro del board direttivo della Banca Centrale Europea. «L’incertezza che stiamo affrontando», dice «rende più difficile prevedere con precisione gli sviluppi economici al di là di orizzonti temporali brevi. Date queste circostanze, speculare sulle misure di politica monetaria per un periodo di tempo prolungato sarebbe un esercizio inutile in questa fase, poiché sono necessarie ulteriori prove nel periodo successivo», ha spiegato Panetta, puntualizzando che «impegnarsi preventivamente in ulteriori passi, così come escluderli, sembra inutile e poco saggio».

«In una situazione in cui gli shock deprimono le prospettive economiche, l’incertezza è elevata e l’output è ancora al di sotto del suo livello potenziale, per consolidare il percorso dell’inflazione al 2% sarebbe necessario un ritiro graduale dell’accomodamento, in modo che lo stimolo si riduca nel tempo ma non scompaia improvvisamente», ha proseguito Panetta, sottolineando che l’Istituto di Francoforte dovrebbe muoversi «passo dopo passo, rivalutando e aggiustando la nostra politica monetaria secondo le necessità».   

«La normalizzazione» della politica monetaria «non è un compito facile, poiché l’economia dell’area euro deve fare i conti con prospettive caratterizzate da un’eccezionale incertezza. Ciò significa che dovremmo normalizzare la nostra politica monetaria gradualmente e scegliere un mix di strumenti che sia robusto per l’ampia gamma di scenari plausibili che potremmo trovarci ad affrontare», ha concluso Panetta. 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.