La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Giuseppe Roma (presidente Rete Urbana delle Rappresentanze): «Infrastrutture a rischio obsolescenza senza una cultura manutentiva»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il presidente di Rete Urbana delle Rappresentanze, Giuseppe Roma, è intervenuto a proposito dello stato dell’arte sulle infrastrutture in Italia, attraverso un editoriale sul sito Inpiu.net.

«Continua il blocco delle autostrade liguri (e non solo) per i cantieri di manutenzione e messa in sicurezza delle gallerie, un programma cui non è estraneo il terribile shock del ponte Morandi (e le decine di tecnici rinviati a giudizio). Con l’avvicinarsi delle elezioni comunali, molte grandi città, a partire da Roma, si sono popolate di asfaltatrici e schiacciasassi, per rimediare in extremis alla mancanza di cura in cui versano le strade cittadine per l’abbandono degli anni precedenti. E quindi: degrado e insicurezza prima, disagi dopo, quando si cerca di recuperare in poco tempo l’inerzia del passato».

Un problema, quello dell’obsolescenza delle infrastrutture, che riguarda anche altre grandi potenze mondiali. «La gestione e continua manutenzione delle infrastrutture è un problema ricorrente nel nostro paese e non solo. In maniera ciclica, dal Regno Unito, al Giappone, agli Stati Uniti, i governi denunciano i rischi connessi alla obsolescenza delle infrastrutture. Solo pochi giorni fa il presidente Biden ha annunciato un grande piano, il “Bipartisan Infrastructure Framework”, che nei prossimi 8 anni (due mandati presidenziali e per questo bipartisan) investirà oltre 1.200 miliardi di dollari per creare un sistema di reti “sostenibili, resilienti e adeguate”».

Il presidente di Rur elenca i punti del piano del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. «Un progetto con forti implicazioni politiche, in quanto finalizzato a creare occupazione stabile e ben pagata, e addirittura punto di svolta “per la democrazia e contro l’autocrazia”. Nei 10 punti del piano, oltre ai programmi per le reti digitali, l’energia sostenibile, l’acqua, una parte importante (più del 50% della prima tranche) rivestono gli interventi per riparare e ricostruire strade e ponti. L’obiettivo è naturalmente la sicurezza degli utenti, inclusi ciclisti e pedoni, ma anche la messa al riparo delle infrastrutture dai cambiamenti climatici, dagli attacchi informatici e dagli eventi meteorologici estremi».

Quest’azione dovrebbe coinvolgere al più presto anche il nostro Paese, non sempre propenso nella concezione. «Purtroppo, da noi la manutenzione non è una funzione nobile, non vi si dedicano risorse e personale, non vi si applicano metodi e tecnologie innovative. Torna utile solo per una rinfrescata elettorale. È questo un portato degli interessi prevalenti e forse persino del carattere nazionale. La spinta più forte è verso la realizzazione del nuovo, che coinvolge certamente una filiera più lunga e valori economici più elevati. Ma corrisponde, anche, al nostro essere restii a traguardare il medio periodo, all’essere previgenti, a tenere in ordine i beni comuni. Un’efficienza che implica organizzazione e abnegazione, valori, in Italia, poco spendibili per la politica e la comunicazione», conclude Roma.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.