Il Think Tank Quotidiano della Classe Dirigente

Anthony Fauci (immunologo): «Omicron alla fine contagerà tutti e il virus diventerà “quasi normale”»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Prima o poi tutti finiranno per contagiarsi con la variante Omicron, ma si tratterà di conviverci. E il Covid diventerà un virus “quasi normale”. Lo scenario, un po’ inquietante e un po’ rassicurante, è quello tratteggiato da Anthony Fauci, luminare della Casa Bianca per l’emergenza Covid.

“Omicron – ha spiegato l’immunologo – ha un livello molto alto di trasmissibilità e alla fine ‘troverà” proprio tutti. Anche i vaccinati e chi ha preso la terza dose”. Ma in questo caso, ha aggiunto l’esperto, “non finiranno in ospedale e non moriranno” proprio grazie all’efficacia del vaccino. A pagare il prezzo più alto “saranno i non vaccinati”.

In Usa sono 65 milioni le persone che non si sono volutamente, o non possono, vaccinarsi. Il 62 per cento ha preso le due dosi, mentre solo il 25 per cento ha fatto anche il “booster”. Secondo Fauci gli Stati Uniti sono davanti a un periodo di transizione con la pandemia, al quale seguirà una fase in cui “sarà normale” convivere con il Covid.

“Ci sono dei rapporti che indicherebbero una più alta sensibilità dei tamponi salivari nell’identificare l’infezione del covid causata dalla variante Omicron rispetto ai tamponi nasali, ma i dati vanno verificati e confermati”.

Secondo altri esperti, i tamponi nasali individuano con più precisione il contagio con la variante Delta del covid-19, mentre per la diagnosi di Omicron i tamponi effettuati sulle mucose della gola risulterebbero più efficaci in quanto la mutazione infetta più facilmente i bronchi che il naso. In ogni caso – ha precisato Fauci – se nuovi dati confermeranno questa ipotesi, essi verranno inviati alla Food and drug administration (Fda).

Nella stessa audizione Janet Woodcock, commissario della Fda, ha messo in guardia il pubblico dall’ usare i test rapidi in gola in quanto “la configurazione degli attuali tamponi non è adatta, e in caso si renda necessario, ci vorrà del tempo per adeguare i modelli dei test per farli in gola”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.