Il Think Tank quotidiano dove la classe dirigente si confronta sulla Ripartenza

Francesco Miceli (presidente Consiglio Nazionale degli Architetti): «Pnrr: opportunità per colmare il divario al Sud»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Con il Pnrr rinasce la concreta opportunità per appianare il dislivello tra le due Nord e Sud Italia. Lo ribadisce Francesco Miceli, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori intervenendo a Tropea alla Giornata di studio “Next generation Eu. Territori e cultura Infrastrutture e Servizi, rigenerazione urbana e mobilità sostenibili. Verso la transizione ecologica della Calabria”, organizzata dall’Ordine degli Architetti Ppc della Provincia di Vibo Valentia.

«Le risorse stanziate dal Pnrr per il Sud rappresentano una occasione storica ed irripetibile per colmare il divario tra le due parti del nostro Paese, per realizzare infrastrutture e servizi e per far diventare il Sud un punto di riferimento centrale dell’area mediterranea. Senza lo sviluppo del Sud, infatti, l’Italia non potrà ripartire».

«Per utilizzare questa gran mole di risorse, servono, innanzitutto, una cultura politica coerente che sia pronta alla sfida dell’innovazione e alla ricerca della qualità, la capacità di fare sistema, una burocrazia adeguata, in grado anche di realizzare i controlli necessari e indispensabili, una forte spinta alla valorizzazione delle grandi risorse ambientali dei territori del Sud», sottolinea Miceli.

«Qualsiasi intervento» conclude Miceli «deve avere come obiettivo quella transizione ecologica che, avendo come modello la sostenibilità, ambientale, economica e l’inclusione sociale, rappresenta la vera trasformazione del sistema delle nostre città e dei nostri territori. Alla realizzazione di questo passaggio fondamentale gli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori stanno contribuendo con proposte ed iniziative, stimolando Governo e Parlamento non per imbrigliare idee e creatività, ma per creare le condizioni affinché si liberino finalmente tutte quelle energie ancora inespresse di una così larga parte del nostro Paese».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.