Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[L’iniziativa] Pnrr, 183 milioni per riqualificare Bari. Ecco tutti i progetti

La Città metropolitana di Bari, di cui fanno parte 41 Comuni, ha lanciato due macro-proposte “Identità e Comunità” e “Verde Metropolitano”, finanziate nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Le due macro-proposte contengono 48 progetti per la riqualificazione di spazi pubblici e per il “greening” urbano per un importo totale di oltre 183 milioni di euro. Il finanziamento di questi progetti commenta il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, è «un traguardo che premia una progettazione collettiva e una attività di co-pianificazione portata avanti in questi anni con tutti i 41 Comuni. I 180 milioni serviranno a supportare progetti di riqualificazione in tutta l’area metropolitana con l’obiettivo di aumentare la superficie verde, riportare in vita alcuni dei nostri edifici e luoghi più belli diffusi nei Comuni».

La proposta “Identità e Comunità” prevede, tra l’altro, interventi di riqualificazione di spazi aperti e piazze, nuovi anfiteatri all’aperto e servizi pubblici per la comunità (case della cultura, dello sport, per il tempo libero, per la formazione) attraverso il riuso e la rifunzionalizzazione di edifici dismessi o sottoutilizzati e percorsi pedonali e ciclabili di connessione.

“Verde Metropolitano” costruirà opportunità di riqualificazione urbana e paesaggistica in determinate aree di intervento quali lame, spazi agricoli e naturali in cui inserire nuove reti relazionali delle comunità (sport, tempo libero, gioco, educazione ambientale) contribuendo nel contempo alla riduzione delle emissioni di C02. Darà inoltre nuovo impulso alle relazioni di comunità, ricostruendo l’armatura urbana verde delle città costituita di spazi naturali e aree verdi attrezzate per il gioco, lo sport e il tempo libero, fruibile attraverso reti di mobilità ciclo-pedonale. 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.