Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[Il reportage] Da fabbrica amianto a parco, così il Pnrr fa rinascere il rudere del quartiere Japiga di Bari

Gli spazi che ospitavano l’ex fabbrica Fibronit di Bari si trasformerà in un parco entro il 2026. L’area, situata nel quartiere Japigia, diventerà una zona verde, finanziata con 14,5 milioni di euro (3,5 stanziati dalla Regione Puglia e altri 11 dal Pnrr). Lo stabilimento – chiuso nel 1985 – che per decenni ha disperso nell’aria fibre di amianto causando centinaia di morti, tra lavoratori e residenti del quartiere, è stato oggetti di una lunga e complessa bonifica, iniziata nel 2005 e conclusa nel 2016, e ora su quei terreni, sui quali c’è un vincolo di inedificabilità, Comune e Regione, su impulso del Comitato cittadino Fibronit, stanno progettando il “Parco della rinascita”.

Un nuovo inizio per Bari

«Rinascita morale e civile di questa città» ha detto il presidente del Comitato, Nicola Brescia, «perché costituisce il risarcimento per chi ha pagato con la vita la presenza della Fibronit e perché è il risultato di anni di lotta dei cittadini». Dal 29 maggio e per tre domeniche saranno organizzate visite guidate su prenotazione nell’area dove sorgerà il giardino e poi, da settembre, le visite coinvolgeranno le scuole della città.

Alla presentazione dell’iniziativa “Fibronit, il Parco che verrà”, hanno partecipato i componenti del Comitato, gli assessori comunali ai Lavori Pubblici e all’Ambiente, Giuseppe Galasso e Pietro Petruzzelli, il presidente della Regione Michele Emiliano e Michele Buono, il marito di Maria Maugeri, l’allora assessora comunale all’Ambiente, scomparsa prematuramente, alla quale sarà dedicata un’area del parco.

«È in corso una interlocuzione con Terna, proprietaria degli edifici dismessi accanto al parco, perché prevediamo una seconda fase di riqualificazione dell’area, dopo la realizzazione del parco» ha spiegato l’assessore Galasso, «con il recupero degli immobili».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.