[I dati] Ecco perché le donne sono le principali vittime della Pandemia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La pandemia ha influito negativamente sul lavoro e sul benessere psichico delle donne:  il 60% ha sperimentato una prolungata riorganizzazione strutturale della propria attivita’ lavorativa, il 76% ha trascurato la salute e l’85% ha sofferto di almeno un disturbo  psichico per un periodo prolungato. Unico dato positivo e’ che il  50% ha imparato l’uso di nuove tecnologie e strumenti di lavoro. 

E’ quanto emerge dall’indagine presentata oggi da Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna) con  l’Istituto di ricerca Elma Research.    

In vista della festa del lavoro del 1 maggio, la ricerca ha  voluto indagare l’impatto della pandemia sulle condizioni di  lavoro femminili su un campione di 609 donne con un’eta’ media di  39 anni.

Anche se solo il 5% delle intervistate e’ rimasta senza  lavoro, sono le piu’ giovani e coloro che vivono nel sud Italia  le piu’ colpite, insieme a chi non era tutelata da un contratto  di lavoro a tempo indeterminato: donne attive nei settori di  turismo, ristorazione e sport.

Circa il 40% riferisce di aver  subito difficolta’ economiche importanti, e il 30% ritiene che la  propria condizione lavorativa sia decisamente peggiorata. “Le  donne sono le prime vittime della pandemia, indipendentemente se  malate o meno”, commenta  Francesca Merzagora, presidente di  Fondazione Onda.    

L’indagine ha inoltre rilevato che 7 donne su 10 hanno trascurato la propria salute fisica, dato che raggiunge l’86%  tra quelle con patologie croniche. Disturbi del sonno, tristezza  e pianto, pensieri negativi, bassa autostima e apatia sono tra i  sintomi segnalati, soprattutto coloro che hanno sofferto di  difficolta’ economiche importanti, tanto che quasi 9 su 10 hanno  patito almeno un disturbo psichico per un periodo prolungato.    

Il risvolto positivo dell’emergenza e’ stato aver appreso nuovo  modo di lavorare e l’uso della tecnologia per la salute: il 100%  ha utilizzato almeno un servizio a supporto della salute, come  per prenotare e ritirare esami.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.