Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Giancarlo Giorgetti (ministro Mise): «Non basta il Pnrr, servono nuovi imprenditori»

Non bastano i sostegni e gli investimenti, l’Italia ha bisogno anche di nuovi imprenditori, di nuove idee e di giovani con il coraggio di mettersi in gioco. I progetti meritevoli potranno poi contare sull’aiuto del Governo e sui sostegni pubblici necessari a realizzare queste idee. Questo è il messaggio lanciato dal ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, davanti al pubblico (oltre 100 ragazzi in sala su 230 presenti) della nuova tappa di “Italiadomani”, il tour che la Presidenza del Consiglio dei Ministri sta portando in giro nel Paese per spiegare le opportunità del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Palcoscenico questa volta (la terza in Veneto) è stata Vicenza, che nel Pnrr ripone molte aspettative di rilancio: 73 i progetti presentati, per 96 milioni di euro totali. Questo, ha spiegato il sindaco Francesco Rucco, sul palco con il governatore Luca Zaia, per farne una città «più inclusiva, attrattiva, sostenibile e moderna».

La giornata ha visto anche gli interventi del capo del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica di Palazzo Chigi, Marco Leonardi, e i saluti del Ministro per le Disabilità Erika Stefani. Ma è stato l’intervento del rappresentante del Mise a catalizzare l’attenzione di imprenditori e studenti. «Per affrontare le “rivoluzioni” che stiamo vivendo» ha detto Giorgetti «non basta da solo il coraggio dell’imprenditore; serve l’assistenza della parte pubblica per sostenere questa trasformazione. Questo è lo spirito con cui noi abbiamo interpretato il Pnrr».

Con una importante premessa: «non può mai essere» ha chiarito «che nasce l’idea imprenditoriale in funzione del contributo pubblico. Il contributo pubblico arriva dopo, quando l’idea imprenditoriale c’è, e ha bisogno di essere “coccolata” e portata avanti». È rivolto ai giovani in sala «durante la cerimonia in Quirinale per i Cavalieri del lavoro» ha ricordato «molti studenti presenti dicevano di voler fare mille cose, ma non l’imprenditore» il titolare del Mise ha aggiunto: «qui c’è bisogno di non stare seduti, di non stare in riva al fiume. Dobbiamo andare ad affrontare le sfide con coraggio, da nord a sud. Chi ha un’idea deve mettersi in gioco».

In quest’ottica è arrivato un annuncio da parte di Giorgetti. «Il 2 Giugno, festa della Repubblica, come Mise lanciamo un nuovo portale, “Incentivi.Gov”: chi ha un’idea, mette dentro chi è, cosa fa, cosa vorrebbe fare, e schiacciando un tasto usciranno le risposte delle 3-4 misure con le quali il Governo può aiutarlo a coronare il suo sogno».

Più tardi, a Verona, ancora del Pnrr, il ministro ha chiarito: «siccome non è un vestito confezionato in serie, ma su misura, e le situazioni che abbiamo davanti sono totalmente nuove, c’è bisogno di un dialogo continuo. È necessario che i governi, giorno dopo giorno, siano in ascolto delle categorie e degli operatori sul campo per dare risposte». Il governatore Zaia ha insistito sulla necessità di «rinegoziazione di questo strumento a livello comunitario. Con la guerra siamo entrati in un’era glaciale, differente da quella di prima».

Per il presidente veneto, inoltre, la strategia va improntata adesso sul tema dell’autonomia energetica. «È fondamentale» ha concluso «non essere ancora dipendenti da una comunità così importante come quella russa, visto che il 38% del gas italiano proviene da lì». Il Veneto, ha ricordato Paola Ansuini, responsabile della comunicazione di Palazzo Chigi, che ha moderato il dibattito assieme alla giornalista Deborah Rosciani, ha risposto con vivacità alla chiamata del Pnrr: alla regione, tra gli altri, sono stati assegnati 1,2 mld di euro per le infrastrutture, 580 mln per il sistema salute, 18 mln per la rigenerazione urbana, 308 per l’istruzione regionale.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.