Il Think Tank quotidiano dove la classe dirigente si confronta sulla Ripartenza

Eugenio Giani (presidente Regione Toscana): «20 milioni dal PNRR per ripopolare un borgo abbadonato»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Nel “piano borghi” del Pnrr saranno dedicati 20 milioni alla riqualificazione e le misure per il ripopolamento di un borgo toscano disabitato o quasi. Mentre un’altra ventina di borghi riceveranno circa 2 milioni ciascuno, per un totale di 36 milioni investiti. Questo è quanto illustrato stamattina dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, durante l’incontro con i parlamentari toscani sul Pnrr.

Tra le ipotesi avanzate da Giani per la scelta del borgo su cui investire 20 milioni ci sono Castelnuovo dei Sabbioni, in provincia di Arezzo, Toiano in provincia di Pisa, un paio di borghi in Lunigiana e altri in Maremma. Giani ha spiegato che sarà fatto un bando e che deciderà una commissione regionale.

Le risorse destinate ai borghi rientrano nella prima delle sei missioni da cui è composto il Pnrr e che porteranno in Toscana risorse già assegnate, secondo Giani, per «1,5/2 miliardi». Tra queste ci sono 53 milioni di investimenti in infrastrutture idriche primarie, 222 milioni per la linea tranviaria tra le Piagge e Campi Bisenzio e altri 150 milioni per la linea tra piazza Libertà e Bagno a Ripoli. Nella terza missione che riguarda le infrastrutture per una mobilità sostenibile, ci sono 98,9 milioni per il potenziamento della Pistoia-Lucca, mentre nel capitolo istruzione e ricerca figurano 84 milioni (si tratta di una stima) per lo sviluppo degli Its.

Sulla qualità dell’abitare sono stati ammessi a finanziamento 11 progetti per 162 milioni e altri 93 milioni andranno a finanziare la riqualificazione dell’erp. Infine, sull’ultima missione dedicata alla sanità, sono previsti 183 milioni di finanziamenti per 77 case di comunità, 23 ospedali di comunità e 37 centrali operative e 118 milioni per l’adeguamento antisismico degli ospedali. Tali investimenti, è stato spiegato, sono in attesa di assegnazione provvisoria entro fine novembre e dell’assegnazione definitiva entro il primo trimestre 2022.

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.