Dal Pnrr in arrivo 32 miliardi per le infrastrutture del Paese

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Trentadue miliardi di euro per trasformare le infrastrutture del Paese. Una somma ingente, l’equivalente di una legge di bilancio in tempi “normali”, quella prevista dal Pnrr, Piano nazionale di ripresa e resilienza o “Next Generation Italia”. Soldi messi sul piatto della ripartenza che dovranno essere spesi in tempi brevi, con i lavoratori impegnati senza soste, con rotazione su tre turni 24 ore su 24. Ma con tutte le garanzie su riposi e compensi e l’occhio vigile dei  sindacati.

Per questo, scrive Repubblica, il gruppo Ferrovie dello Stato – che si  occuperà degli investimenti, pari a 28,3 miliardi sui 32 a disposizione per le infrastrutture – venerdì scorso ha creato una task force che nelle prossime settimane avrà il compito di velocizzare l’avvio o il completamento delle opere. In pratica una corsa a ostacoli che entro il 2027 dovrà chiudere i cantieri e consegnare una nuova Italia ai cittadini.

Si tratta in gran parte di lavori infrastrutturali, dalle strade alle ferrovie, ma anche interventi di digitalizzazione e upgrade dei sistemi attualmente utilizzati per monitorare traffico, treni e strade, che saranno seguiti da una squadra di manager di primissima linea coordinati dal numero uno di Fs Gianfranco Battisti.

La missione affidata alla società (e sul campo a Rete Ferroviaria Italiana per i treni e ad Anas per la parte stradale) è divisa in due componenti e ha l’obiettivo di realizzare “un sistema infrastrutturale di mobilità moderno, digitalizzato e sostenibile dal punto di vista ambientale” come spiega il documento del governo che include lavori già avviati, previsti o nuove opere. Complessivamente in gioco ci sono 31,98 miliardi, 26,7 dei quali destinati a “opere ferroviarie per la mobilità e la connessione veloce del Paese”. Si tratta di 11,2 miliardi già stanziati per cantieri aperti e 15,5 per nuovi progetti. Un altro miliardo e 600 milioni andranno alla voce “messa in sicurezza e monitoraggio digitale di strade, viadotti e ponti” e 3,68 miliardi al piano per “intermodalità e logistica integrata”.

La prima parte, dedicata a “Alta velocità di rete e manutenzione stradale 4.0”, si focalizza sulle grandi linee di comunicazione del Paese: in primo luogo quelle ferroviarie che saranno migliorate grazie all’installazione del sistema European Rail Traffic Management System (Ertms) sull’intera rete nazionale. Inoltre, sono previsti alcuni investimenti per la messa in sicurezza e il monitoraggio di viadotti e ponti stradali nelle aree del territorio che presentano maggiori criticità.

La seconda componente, o “Intermodalità e logistica integrata”, prevede un programma nazionale di investimenti per il sistema portuale “competitivo e sostenibile dal punto di vista ambientale per sviluppare i traffici collegati alle grandi linee di comunicazione europee”. Tra le opere individuate ci sono nodi strategici per il nostro Paese: nel Settentrione c’è il Quadrante Nord Est con il tunnel base del Brennero e tratte di accesso al valico. Nell’area verrà completato il corridoio Scandinavia- Mediterraneo.

Nel Nord Ovest i fondi saranno impiegati per il nodo di Genova, corridoio Reno-Alpi, Terzo valico dei Giovi. Nel piano c’è spazio per l’alta velocità Genova-Milano-Torino e la “trasversale” Av da Torino a Venezia. Nel Centro Italia, invece, gli interventi riguarderanno la Orte-Ancona-Falconara, la Roma-Pescara e segmenti della dorsale stradale adriatica. Al Sud verranno migliorate le infrastrutture ferroviarie tra Basilicata e Calabria (con upgrade delle tecnologie di controllo dei treni consentendo l’utilizzo dei binari anche con l’alta velocità).

Sempre alta velocità e alta capacità merci per la Salerno-Reggio Calabria  che sarà collegata al nodo aperto nel 2009 sulla Roma-Milano-Torino. E  ancora, lavori in vista per la strada statale Ionica, per la tratta su rotaie Palermo-Messina-Catania con upgrade delle tecnologie di sicurezza.  Investimenti aggiuntivi, infine, sono previsti sulla tratta Av Napoli-Bari. 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.