Anna Finocchiaro (Ex ministro per le Pari Opportunità): «Le donne Dem valutino se partecipare al governo come sottosegretarie o se puntare più in alto»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«Le donne Dem valutino quale è la posta in gioco, se la partecipazione al governo come sottosegretarie o una posta politica più alta. Considerino poi che hanno dalla loro un’arma formidabile, che è la democrazia rappresentativa». Così Anna Finocchiaro, ex parlamentare del Pd e primo ministro per le Pari opportunità, in un’intervista a La Repubblica.

«Presidino il fronte della rappresentanza, stando attente ad alcuni temi istituzionali. Siamo sicuri che quando al Senato ci saranno 200 parlamentari, la rappresentanza femminile eguaglierà il 36% che abbiamo oggi? Ricordiamoci che le quote previste per le donne riguardano le candidate, non le elette».

«Quando si scelse il maggioritario la presenza femminile in Parlamento diminuì perché alle donne furono assegnati i collegi meno sicuri». «Inoltre, io credo che il modello leaderistico dei partiti non agevoli la partecipazione delle donne».

«E non credo che la parità di accesso alle cariche pubbliche possa essere consegnato nelle mani di un leader, per quanto illuminato, che scelga le candidature contrattandole con le anime interne del partito. Le leadership politiche si impongono, non si cooptano. Le donne hanno tutte le carte in regola per imporsi».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.