Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Maurizio Stirpe (vicepresidente Confindustria): «Bisogna strutturare bene i bandi del Pnrr e le regole per garantire la corretta competizione tra le imprese»

È necessario che «la parità di condizione nella competizione tra le imprese» sia garantita dai bandi del Pnrr. «Siamo in un’economia di mercato e se per l’esecuzione di certi lavori, le imprese straniere hanno skills superiori rispetto a quelle italiane, per esempio dal punto di vista tecnologico, è giusto affidare loro i lavori. L’importante è che si facciano le cose e che vengano fatte bene. Mi hanno insegnato che la cultura del merito deve prevalere su tutti gli altri aspetti». Lo ha detto Maurizio Stirpe, Vicepresidente per il Lavoro e le Relazioni Industriali di Confindustria, nel corso della War Room di Enrico Cisnetto in onda alle 17:30 sul web, in merito al rischio che una fetta delle risorse del Pnrr finisca alle imprese straniere poiché quelle italiane non avrebbero la capacità di eseguire i lavori, anche per mancanza di figure professionali adeguate.

«In Italia c’è troppo protezionismo» ha aggiunto «siamo il Paese dei troppi campanili dove l’eccezione prevale sempre sulle regole e quindi alla fine si vanificano non solo le regole ma non si dà efficacia neanche alle eccezioni». Inoltre, «in presenza di shock ravvicinati come lo sono stati quello del 2008, del 2013, del 2020 o del 2022, sono aumentate le distanze e le disuguaglianze tra chi è riuscito a crescere e si è fortificato in modo importante e chi invece ha dovuto soccombere» ha commentato ancora Stirpe, osservando che «il Pnrr sarà tanto più efficace quanto più riuscirà a ridurre le disuguaglianze ben note nel nostro Paese, che riguardano le competenze, i territori, le generazioni e il genere».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.