La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Paolo Palma (responsabile Immunologia Ospedale Bambino Gesù): «Vaccini per i bambini presto disponibili negli Usa»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«I vaccini per bambini dai 6 mesi ai 12 anni potrebbero essere disponibili entro la fine del 2021 negli Stati Uniti». Lo afferma il responsabile del centro di immunologia e vaccinologia dell’ospedale Bambino Gesù, Paolo Palma, che rimarca l’intenzione di concludere gli studi in autunno, «per richiedere l’approvazione all’agenzia americana Fda». E aggiunge che «non è esclusa un’accelerazione come è avvenuto per gli adulti», commentando la previsione fatta dal pediatra della Emory University di Atlanta, Andrea Shane, che sulla rivista Nature.

Palma precisa in un’intervista al Corriere della Sera che la sperimentazione non avviene in Italia: «I test del vaccino Pfizer-BioNTech si svolgono negli Stati Uniti, in Finlandia, Spagna e Polonia. Quelli di Moderna solo negli Usa. Al momento i risultati sono preliminari e non ancora pubblicati. Si sta cercando il dosaggio ottimale per la popolazione pediatrica. Sembra che i bambini rispondano meglio degli adulti con quantità inferiori di principio attivo».

Sul perché bisogna vaccinare i bambini visto che non si ammalano, Palma spiega che «i ragazzi sono veicoli del virus all’interno della famiglia e possono trasmetterlo a nonni, genitori e fragili, non solo in casa ma anche all’esterno. Sappiamo che più il virus circola più è possibile la formazione di nuove varianti. L’ultima, la Delta, si è molto diffusa tra i bambini nell’ultimo mese e mezzo. Sarà fondamentale convincere i genitori con dati solidi».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.