La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Vittorio Macioce (il Giornale): «Green pass: sui vaccini c’è uno scontro di identità»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sul Giornale, Vittorio Macioce sottolinea come il virus stia sparigliando le certezze della politica. «Chi sta con chi? È strano vedere la Lega e il sindacato da una parte e la sinistra e Confindustria dall’altra. Il merito, o la colpa, è del presidente Carlo Bonomi. L’idea è di sospendere dal lavoro, senza stipendio, chi si ostina a rifiutare la puntura. Le aziende sarebbero pronte alla vaccinazione di massa e a quel punto non ci sarebbero più scuse per i recalcitranti. È una sorta di esilio civile. Maurizio Landini, segretario della Cgil, parla di colpo di sole».

«Non è il solo. Sul confine dei divieti si stanno creando alleanze inattese. È in questo clima che ogni giorno qualcuno alza la posta. La proposta di Bonomi viene letta come una provocazione. È però il segnale che c’è una sorta di partito del “passaporto pesante”. È un fronte radicale. Sono tutti quelli che sostengono di fatto l’obbligo di vaccinazione».

«Come sostiene il ministro Speranza: “Non sono ammesse ambiguità”. Il passaporto sanitario come una nuova frontiera, con gli orizzonti capovolti. Se sei favorevole sei illuminato, se ti mostri timidamente scettico cadi nella bolgia dei miscredenti. La scienza sbandierata come religione. Il vaccino è la strada più veloce per uscire dalla pandemia, ma si può essere razionali, illuministi e vaccinati senza lanciare anatemi. Il dubbio è che di nuovo si stia perdendo il buon senso».

«La scelta è tra il bianco e il nero, spento o acceso, di qui o di là. Non ci sono punti intermedi. È la logica binaria di un tempo storico senza sfumature. Il discorso sui vaccini sta diventando uno scontro di identità. È la cosa più infantile da fare. Si finisce per giocare a rubabandiera, con la speranza da una parte e dall’altra di strappare consensi. La confusione sul “passaporto” passa anche da qui».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.