Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[L’analisi] Troppo cemento e poco verde urbano. Ecco perché le città sono impotenti contro il caldo 

Secondo quanto emerso dall’analisi di Coldiretti sui dati Istat, per difendersi dall’allarme caldo e dall’inquinamento ogni italiano dispone in media di “appena” 31 metri quadrati di verde urbano con una situazione “preoccupante” nei grandi centri urbani. Si oscilla dai 6,4 metri quadrati per abitante di Messina ai 16,7 a Roma, dai 18 di Milano ai 24,3 di Firenze, dai 43 di Venezia ai 12,9 di Napoli fino ai 9,3 di Bari.

In una situazione di cambiamenti climatici con ondate di calore sempre più intense e persistenti – evidenzia Coldiretti – è “strategica” la presenza e la gestione del verde urbano tanto che un parco di grandi dimensioni «può abbassare il livello di calore da 1 a 3 gradi rispetto a zone dove non ci sono piante o ombreggiature verdi».

In questo scenario Coldiretti e Federforeste hanno elaborato un progetto nell’ambito del Pnrr per piantare in Italia milioni di alberi nell’arco dei prossimi cinque anni nelle aree rurali e in quelle metropolitane anche per far nascere foreste urbane con una connessione ecologica tra le città, i sistemi agricoli di pianura a elevata produttività e il vasto e straordinario patrimonio forestale presente nelle aree naturali.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.