Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Giovanbattista Fazzolari (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio): «Le accuse della Francia non reggono, non accetteremo ritorsioni sul PNRR»

Alla Francia il Governo italiano chiede “solo rispetto. Non ci si può tenere nell’illegalità perché fa comodo così. più semplice dire alla propria opinione pubblica che si accolgono migranti entrati in modo legale che illegalmente”.

Lo dice al Corriere della Sera Giovanbattista Fazzolari, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’attuazione del programma, aggiungendo che “le argomentazioni contro di noi giuridicamente non esistono”.

“Il problema non è la singola nave. Ma il principio: l’Ue, sempre attenta, legittima un comportamento illegale”, afferma Fazzolari, sottolineando che “le norme dicono che chi ha soccorso naufraghi ha diritto a sbarcare nel porto più vicino che non siamo noi, ma la Tunisia”.

In merito alla minaccia di ritorsioni da parte della Francia, “non vorrei che ci si riferisse ai soldi del Pnrr, quando dice che siamo tra i maggiori beneficiari dell’Ue parla di quello. Come dire: avete quei fondi dovete stare zitti. Se fosse così sarebbe molto grave.

Non c’è un nesso tra il Pnrr e costringere l’Italia, in violazione delle norme internazionali, a farsi carico dei migranti. Spero si chiarisca”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.