Filippo Virzì (Segretario Regionale Ugl Creativi Sicilia): «Cinema, c’è un piano sperimentale per la riapertura a maggio. Ma senza sostegni è irrealizzabile»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«C’è un piano per la riapertura delle sale a maggio, secondo quanto abbiamo appreso, si sta ragionando su test da praticare come quelli effettuati in Spagna, a Barcellona. Al momento, sul tavolo del capo di gabinetto del MiC, Lorenzo Casini, sono allo studio tre protocolli e si parla di portare la soglia di capienza delle sale dal 25% al 40-50%. Se rimane al 25% gli operatori ritengono impossibile ricominciare. Le ipotesi per consentire l’accesso sono: un tampone prima di entrare in sala, la mascherina Ffp2 da acquistare all’ ingresso e un sistema di areazione importante». Così Filippo Virzì, Segretario Regionale dell’Ugl Creativi in Sicilia.

«La sperimentazione sulla pelle degli Esercenti e la missione impossibile della visione di un film da parte del pubblico 15 minuti solo per il tampone, ad una riapertura sperimentale con queste restrizioni a queste condizioni non ci siamo» afferma Virzì.

«Dal 25 Ottobre ad oggi è stato un bagno di sangue con le chiusure, aprire così alle soglie dell’estate con incassi simbolici per uno start sperimentale se non supportato da sostegni è irrealizzabile».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.