La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Eike Schmidt (direttore museo Uffizi): «Ritratto di Dante: un capolavoro»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Nell’estate del 700º anniversario dalla morte di Dante Alighieri, il ritratto del poeta a opera del pittore Andrea del Castagno, verrà esposto a San Godenzo fino al 23 agosto. «È un capolavoro ed è stato restaurato proprio per l’occasione», afferma il direttore del museo degli Uffizi, Eike Schmidt.

Il ritratto «a molto a che fare con San Godenzo. Andrea del Castagno è originario di là, e Dante ci ha vissuto per qualche tempo dopo che era stato bandito da Firenze». La mostra in corso fa parte del progetto “Uffizi diffusi” e «ci offre la possibilità da una parte di assemblare tematicamente e di mostrare la bellezza» delle migliaia di opere che affollano i magazzini degli Uffizi. «Dall’altra vogliamo raggiungere l’obiettivo di correggere l’overtourism a Firenze e incoraggiare la visita del territorio circostante», in un’intervista a Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Per molto tempo, ricorda Schmidt, le opere create per le piccole chiese sono state trasportate e centralizzate nei grandi musei per timore di furti, ora «il nostro progetto è un movimento consapevolmente contrario. Noi riportiamo le opere nei luoghi dove appartengono, per un periodo limitato o duraturo». I turisti quest’anno sono tornati agli Uffizi, racconta Schmidt: «nel frattempo abbiamo raggiunto agli Uffizi il 50% di visitatori del nostro anno record, il 2019».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.