Roberto Calugi (Direttore Generale Fipe-Confcommercio): «Sulle riaperture ci saremmo aspettati più coraggio»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«Ci saremmo aspettati più coraggio». Ad affermarlo, in un’intervista a La Stampa, è Roberto Calugi, Direttore Generale della Fipe-Confcommercio che rappresenta titolari di bar e ristoranti.

La riapertura annunciata dal Governo «certamente va nella direzione giusta. È ottima la decisione di permettere di lavorare anche la sera. Ci preoccupa, invece, la scelta che il pranzo sia inibito ai locali che non hanno spazio all’aperto perché crea una discriminazione interna e un’ingiusta distinzione tra chi potrà riaprire e chi invece resterà in lockdown».

«Apprezziamo il segnale che sta a indicare la voglia di ripartire, speravamo in un po’ di coraggio in più, magari limitando al pranzo le aperture ma lasciando la possibilità di lavorare anche a chi non ha spazi all’aperto, insomma le regole dell’attuale zona gialla» conclude Calugi.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.