La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Paolo Capone (Leader UGL): «Prioritario investire in infrastrutture per favorire l’occupazione, soprattutto al Mezzogiorno»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

In merito ai dati emersi dallo studio Svimez sull’impatto economico della pandemia, Paolo Capone, Leader UGL, ha dichiarato: “L’impatto della pandemia sul tessuto economico è stato devastante con effetti drammatici sull’intero sistema Paese. Come emerge dallo studio Svimez, il Pil italiano è calato dell’8,9% rispetto ad una media europea pari al 6,7%. Preoccupano, inoltre, i 400 mila posti di lavoro ancora a rischio, una minaccia alla tenuta sociale e alla coesione nazionale. Occorre, pertanto, cogliere la straordinaria opportunità rappresentata dai fondi del PNRR, per avviare un reale e duraturo processo di sviluppo e modernizzazione, indispensabile per recuperare il gap infrastrutturale che penalizza le imprese soprattutto nel Mezzogiorno.

Investire nella digitalizzazione e nella semplificazione della macchina amministrativa è la strada maestra per incoraggiare la riapertura dei cantieri e la messa a terra delle troppe opere pubbliche ancora bloccate dalla burocrazia. E’ prioritario, dunque, puntare sulla competitività e sull’innovazione per tornare a crescere e favorire la creazione di nuovi posti di lavoro”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.