Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[Lo scenario] Il report di Goldman Sachs: «Rischio recessione Usa molto probabile»

Secondo le analisi degli economisti di Goldman Sachs sostengono che la recessione negli Stati Uniti sta diventando una possibilità sempre più concreta; infatti, sono state abbassate anche le previsioni di crescita del prodotto interno lordo per l’economia a stelle a strisce. In una nota gli analisti di Goldman spiegano che per gli Usa vedono ora una probabilità del 30 per cento di entrare in recessione nel prossimo anno, rispetto al 15 per cento precedente, e una probabilità del 25 per cento di entrare in recessione nel secondo anno se si evita nel primo. Ciò implica una probabilità cumulativa del 48% nei prossimi due anni, rispetto alla precedente stima del 35%. Secondo gli economisti guidati da Jan Hatzius, il rischio di recessione è ora «più alto e più carico».

«Le ragioni principali sono che il nostro percorso di crescita di base è ora più basso e che siamo sempre più preoccupati che la Fed si senta costretta a rispondere con forza all’elevata inflazione complessiva e alle aspettative di inflazione se i prezzi dell’energia aumentano ulteriormente, anche se l’attività rallenta bruscamente», si legge nella nota.

«Non essendoci grandi squilibri da sciogliere» osservano gli economisti «una recessione causata da un moderato eccesso di tensione sarebbe probabilmente poco profonda, sebbene anche le recessioni meno profonde abbiano visto il tasso di disoccupazione aumentare in media di circa 2 punti e mezzo. Un’ulteriore preoccupazione questa volta è che la risposta della politica fiscale e monetaria potrebbe essere più limitata del solito». Goldman Sachs ha mantenuto la previsione di crescita del 2,8% per il secondo trimestre dell’anno, ma ha tagliato le stime dal terzo trimestre fino al primo trimestre del 2023, prevedendo ora una crescita dell’1,75%, dello 0,75% e dell’1%, rispettivamente, in ciascuno di questi trimestri.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.