Massimo Garavaglia (Ministro del Turismo): «Il Ministero del Turismo sarà strategico per il rilancio italiano»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ora c’è un “ministero strategico che non potrà che diventare un motore forte del rilancio italiano”. Lo dice in un’intervista a ‘Il Messaggero’ il ministro del Turismo Massimo Garavaglia. L’industria del turismo “conta più di 4 milioni di dipendenti – ricorda- c’è anzitutto da superare la frammentazione nelle decisioni, nella promozione e nelle strategie generali”.

Già è cominciato il confronto con le Regioni e si è deciso di attivare un lavoro secondo due linee guida: “La promozione unica del brand Italia” e il lavoro su una “rivoluzione digitale che renda capillare e veloce la promozione del brand Italia”. I fondi di Next Generation Ue hanno “un’importanza cruciale”. E’ presto per quantificarle, “ma le risorse per il turismo saranno ingenti. In più ci sono i fondi europei già esistenti. Tutto insieme “andrà messo a sistema”. Ci sono tanti “di questi fondi soprattutto per il Mezzogiorno, che ha potenzialità enormi, ma “le 8 regioni meridionali fanno la metà dei turisti stranieri che vanno in Veneto”.

C’è da lavorare tantissimo in questa parte d’Italia ma anche in tutto il resto del Paese. A Roma “si può fare molto per migliorare la situazione. Se uno straniero viene nella Capitale e si ferma un giorno soltanto, è uno spreco enorme. Bisogna lavorare sul contesto” e alzare il livello dei servizi. Se migliora il contesto, “il turista resta più a lungo”. Si girerà “di meno. Però in Italia ci vogliono venire tutti almeno una volta nella vita. Questo ci rende speciali e da questo dobbiamo partire”.

Per questo serve “una corsia preferenziale per le vaccinazioni degli addetti che operano nel turismo e l’estensione del superbonus per le ristrutturazioni anche al settore alberghiero. Quanto al passaporto vaccinale, penso che ci si arriverà in maniera naturale, senza obblighi”. Ci saranno “servizi preferenziali per chi è vaccinato”. Mentre si prosegue con la campagna di vaccinazione, “dobbiamo garantire servizi Covid free”, cioè “strutture con personale vaccinato, in modo che si dà tranquillità a chi arriverà”. L’obiettivo è arrivare al più presto “alla vaccinazione totale degli operatori turistici e degli addetti ai musei”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.