La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Thierry Breton (commissario Ue): «Il Green pass ha salvato la stagione del turismo estivo»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il Green pass ha salvato la stagione del turismo estivo, anche perché il suo sviluppo e la sua applicazione da parte degli Stati sono state rapide e pronte. Lo afferma il commissario Ue, Thierry Breton considerato il padrino del Green pass, che ne rimarca l’importanza per l’uscita dalla pandemia.

«Il certificato serve per dare un’indicazione e cioè che chi lo possiede non rappresenta un rischio per gli altri» sottolinea in un’intervista a La Stampa. «So bene ciò che sta succedendo in Italia, con l’introduzione dell’obbligo per i lavoratori del settore sanitario oppure per l’accesso ai luoghi affollati, come i trasporti o gli stadi. È responsabilità degli Stati assicurare la protezione ai propri cittadini e questa è una giusta indicazione per proteggerli».

Secondo il Commissario «chi non vuole usare il certificato non è obbligato ad averlo, ma non può certo rappresentare un rischio per gli altri». Sulla campagna vaccinale aggiunge «siamo il primo continente per quanto riguarda le vaccinazioni: abbiamo superato Stati Uniti, Israele e Regno Unito che erano partiti molto meglio di noi. Dobbiamo continuare su questa strada».

E sulle eventuali terze dosi: «Nella seconda metà dell’anno consegneremo 950 milioni di dosi, quindi sì: se necessario, ci saranno dosi a sufficienza. La somministrazione del richiamo è una decisione che spetta ai singoli Paesi».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.