Il Think Tank quotidiano dove la classe dirigente si confronta sulla Ripartenza

Francesco Buzzella (presidente Confindustria Lombardia): «Una transizione disordinata rischia di danneggiare ancora di più l’ambiente»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Se la transizione sarà «disordinata e velleitaria» rischierà di procurare ancora più danni all’ambiente. «È un paradosso» dichiara il presidente di Confindustria Lombardia, Francesco Buzzella «che, a causa della scarsità e dell’elevato prezzo del gas, in questo momento nel mondo le centrali a carbone stiano producendo al massimo magari proprio per alimentare le auto elettriche con un danno ambientale, economico e sociale».

E specifica in una nota che «la transizione energetica deve necessariamente fare i conti con le tecnologie attualmente disponibili». Inoltre, «lo sviluppo deve essere sostenibile ma al tempo stesso rendiamo sostenibile economicamente e socialmente la transizione. L’assenza, inoltre, di misure specifiche nella Legge di bilancio e nel Pnrr a sostegno della transizione energetica per filiere che ne subiranno maggiormente l’impatto rischia di compromettere interi comparti con pesanti ricadute a livello occupazionale oltre che la sopravvivenza stessa di molte aziende». 

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.