Stefano Cappellini (la Repubblica): «Per il governo Draghi è giunto il momento di essere valutato senza l’attenuante dei problemi ereditati»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«Arriva sempre il momento in cui un governo smette di essere giudicato con l’attenuante dei problemi ereditati e comincia a essere valutato per la sua capacità di risolverli. Per il governo Draghi il momento è arrivato». Lo evidenzia Stefano Cappellini su Repubblica.

«Aprile – aggiunge – è un mese decisivo su entrambe le questioni fondative dell’esecutivo più anomalo della storia repubblicana, “privo di formula politica”, secondo la definizione che ne ha dato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: la campagna vaccinale e la definizione del piano italiano di ricostruzione per accedere ai fondi Ue».

«Di Recovery Plan si è parlato poco in queste settimane, molto meno di quanto si fece al tramonto del governo Conte. C’è da sperare che il calo delle polemiche e degli scontri sui contenuti del piano sia una spia dell’efficacia e della risolutezza di idee con la quale sarà presentato a Bruxelles».

«Quanto ai vaccini, parlano i numeri della campagna e i primi dati del mese non sono incoraggianti. Il governo, però, non può permettersi passi falsi. È insediato da più di un mese, sono stati cambiati i vertici delle strutture commissariali ed emergenziali, è ora di raccogliere i risultati dell’investimento».

«Siamo in ritardo sul numero ideale di vaccinazioni quotidiane, realisticamente l’obiettivo strategico delle 500 mila dosi quotidiane non sarà raggiunto prima di maggio, e il weekend pasquale è stato un disastro che avremmo dovuto risparmiarci».

«Senza una complessiva e decisa accelerazione l’Italia continuerà a perdere terreno rispetto ai suoi naturali concorrenti nell’Unione e non, con le ovvie conseguenze sulla ripresa economica che sarà agganciata da chi si presenterà prima e meglio a prenderne le redini».

«Il rischio è anche quello di consegnare a nazioni più virtuose i milioni di turisti che sono pronti a tornare a viaggiare questa estate e che sceglieranno le destinazioni anche e soprattutto in base all’indice di immunità raggiunto dalle mete più ambite».

«Si è fatto tanto fin qui, ma chiaramente non abbastanza. Dalla seconda metà del mese le forniture complessive di vaccini dovrebbero finalmente raggiungere quote importanti e la penuria dei primi mesi diventare solo un brutto ricordo. Lo scatto nei numeri delle somministrazioni è obbligatorio: un altro rinvio nella tabella di marcia – conclude Cappellini – sarebbe una macchia difficile da cancellare nel curriculum del governo».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.