Riccardo Di Stefano (Presidente Giovani di Confindustria): «Il futuro delle imprese dipende dalla formazione e dall’innovazione»

”Vogliamo riflettere sui futuri che ci attendono, sul paese che possiamo costruire e che dipenderà dalle scelte strategiche che faremo”. Riccardo Di Stefano, il nuovo presidente dei Giovani di Confindustria, lo sottolinea in   un’intervista a ‘Il Sole 24 Ore’ parlando anche del prossimo convegno che si terrà a Roma.

”Il Covid ha cambiato profondamente le persone e  l’economia, il modo di lavorare, di consumare e le dinamiche del   commercio globale. Dobbiamo decidere quale paese vogliamo costruire   per il futuro, convinti che niente potrà più essere come prima”.       

”Nel convegno presenteremo alcune proposte e il dibattito servirà a   metterne a fuoco anche altre, declinate sui temi che affronteremo:   l’impresa, l’innovazione, i nuovi mestieri, il mercato del lavoro,   l’internazionalizzazione – continua Di Stefano -. Per l’Italia non si   tratterà di una ripartenza, ma di una nuova partenza. E condivido in   pieno la frase pronunciata dal presidente Carlo Bonomi all’assemblea di Confindustria, che, rivolto al presidente del Consiglio, ha affermato ‘se non cogliamo l’occasione del Recovery Fund non va a casa solo il governo, come ha detto lei, ma ci andiamo tutti”’.       

”Da questa situazione il paese può uscire rafforzato, ma solo se siamo tutti uniti, se tutti gli attori sociali, il governo e la politica lavorano compatti ad un progetto paese – aggiunge Di Stefano -.  L’Italia già prima del Covid stava andando verso un lento declino. Bisogna ripensare il modello di sviluppo dalle basi. E la politica deve ascoltare l’impresa, perché è l’impresa che genera lavoro e benessere”.       

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.